Rassegna stampa

vt_16_02_20_17.pdf
L'auspicio dei vescovi amici del Movimento dei Focolari riuniti per il centenario di Chiara Lubich: "Che questa e le nostre città irradino la civiltà nuova dell'amore"
Avvenire_20200211_A17_0vescovifocolar.pdf
La messa nelle celebrazioni per il centenario della nascita
Lo speciale carisma di Chiara Lubich, figlia della specialità di questa terra, ha richiamato in Trentino cardinali e vescovi da cinque continenti
Il centenario. Oltre 130 vescovi da tutto il mondo alla celebrazione in Duomo con monsignor Tisi. Il vescovo di Bangkok ai politici: «Questa terra possa restare crocevia di culture». Andreatta: «Fraternità anche in politica». Tonina: «Guardare anche oltre i confini del Trentino» di MADDALENA DI TOLLA
Tisi: «Chiara, grande carisma» di Sara Hejazi
Una rievocazione con tantissimo pubblico: nella basilica ricordata la convocazione nel 1545 e poi i vent' anni di storia
Il centenario. Ieri, nella chiesa di Santa Maria Maggiore, 127 vescovi e 7 cardinali si sono disposti come le congregazioni 500 anni fa Anche Papa Francesco ha voluto inviare un messaggio: «È bene, anche per i vescovi, mettersi sempre di nuovo alla scuola dello Spirito Santo» di DANIELE ERLER
Ai vescovi amici della Lubich il saluto del Papa di GIORGIO LACCHIN
Il cardinale di Bangkok «Il suo carisma nel mondo» DI GIORGIO LACCHIN
Trentino-07.02.pdf
Dolores Bortolameolli, 92 anni, di Pellizzano allora era in quarta elementare: ricorda l’arrivo della maestra Silvia nella piccola frazione di Castello e ancora conserva le sue letterine
Colloquio con Paolo Crepaz. L'intervento del Capo dello Stato «riletto» dal presidente del comitato organizzatore dell'evento: «Non era scontato che il capo dello Stato intervenisse. E quando ho visto che si alzava per prendere la parola sono scoppiato in lacrime»
Il capo dello Stato. Un intervento intessuto tra il pensiero e le lettere di Chiara Lubich ed una società divisa E il governatore Fugatti lo ha invitato i n Trentino il prossimo luglio per il 35° anniversario della tragedia di Stava
Dal blog "In poche parole" di Alberto Faustini, direttore responsabile de L'Adige
Dalle Filippine come dal Sudafrica. Quattrocento giovani da 56 paesi diversi per rendere omaggio all'idea di "fratellanza universale"
L'appuntamento per il centenario della nascita di Chiara Lubich, presso il Centro Mariapoli di Cadine, ha visto la presenza del presidente della Repubblica Mattarella e di molte figure istituzionali, ma la sensazione maggiore è che sia stata una festa di popolo. Alla fine dell'articolo i link per rivedere la registrazione

Se dovessimo misurare la giornata di ieri con l' applausometro, al teatro del centro Mariapoli a Cadine solo il presidente Sergio Mattarella è riuscito a battere l' arcivescovo Lauro Tisi. E ci è riuscito con un discorso di rara intensità ma in perfetta sintonia con ciò che il vescovo ha detto.

Nell' auditorium di Mariapoli racconti, ricordi ed emozioni
Mattarella ricorda Lubich e si appella all' unità: «Altrimenti rischiamo di cedere alle crescenti disuguaglianze». E Fugatti lo invita a luglio per i 35 anni da Stava
Il capo dello Stato all'evento per i 100 anni dalla nascita della fondatrice del Movimento dei focolari.
Il capo dello Stato ospite d'onore, presso il Centro Mariapoli di Cadine (Trento), alle celebrazioni del Centenario della nascita di Chiara Lubich, fondatrice del Movimento dei Focolari

Il volto sorridente di Chiara Lubich si affaccia dai cartelloni che annunciano il centenario della nascita. "Sogno un mondo unito nella varietà delle genti", recita il motto (una citazione della stessa Lubich) scelto per questo evento dal Movimento dei focolari.

Il presidente Mattarella ricorda a Trento la fondatrice dei Focolari, Lubich, a cento anni dalla nascita: si è impegnata nel dialogo con tutti fondato sulla cultura della fiducia. Anche nell' abisso della guerra Trento «Si può essere forti, molto forti, pur essendo miti. E aperti alle buone ragioni degli altri. Anzi, in realtà, per dirla con sincerità, soltanto così si è veramente forti».

Attenzione, commozione, gioia. In Sala Depero all' interno del Palazzo della Provincia posti tutti occupati: in 240 hanno seguito in diretta dal maxischermo lo streaming della cerimonia in ricordo di Chiara Lubich. Piena a metà anche la vicina Sala Belli, con un' altra quarantina di persone.

Nel suo intervento di saluto il presidente della Provincia, Maurizio Fugatti , riconoscendo il centenario come straordinaria occasione per far conoscere ai trentini la figura di Chiara Lubich, ha individuato tre caratteristiche che la legano alla sua terra.

La presidente dei focolarini: «Rispondere con radicalità alla società senza radici»
Mattarella: «Prosciugare i bacini di odio e incomprensione»
Dio le aveva dato un carisma: la sua città, oggi, è il mondo i ntero

Un rifugio dal quale usciranno solo nel maggio del 1945, a guerra finita.